Home » Consigli di Viaggio » Vacanze LGBT: le migliori destinazioni dall’Italia

Vacanze LGBT: le migliori destinazioni dall’Italia

Mykonos è una della classiche destinazioni delle vacanze LGBT
Mykonos è una della classiche destinazioni delle vacanze LGBT



Il termine LGBT, è un acronimo che indica persone “Lesbo, Gay, Bisexual e Transgender” e viene usato per brevità per identificare tutti quei servizi dedicati con libertà al mondo omosessuale e ai relativi simpatizzanti. In ambito turistico, si è sviluppato un notevole movimento di strutture e destinazioni con questo orientamento, che piacciono non solo ai gay ma anche a tutti i turisti in cerca di qualcosa di nuovo, ma non necessariamente di trasgressivo. Si, perché come ogni cosa, anche il turismo LGBT ha i propri eccessi sotto forma di destinazioni e strutture ricettive rivolte principalmente al sesso e agli incontri, ma più genericamente si parla di mete che consentano aggregazione tra persone che si sentono appartenere ad una comunità, che condividono scopi e ideali e per i quali la vacanza rappresenta una ottima occasione per espandere le proprie conoscenze. Questa che può sembrare una auto-ghettizzazione è in realtà una forma di turismo che sta riscuotendo sempre maggiore successo, e della quale vi vogliamo parlare presentandovi le mete principali, più vicine all’Italia.

Quasi tutte le grandi metropoli, soprattutto se del Nord-Europa, hanno un proprio quartiere gay con locali e manifestazioni, tuttavia qui si parla di vacanze estive… e dunque non credo che vi piacerà trascorrere Agosto nella piovosa Colonia (che rappresenta una delle “capitali” del LGBT)!

Mykonos è una della classiche destinazioni delle vacanze LGBT
Mykonos è una della classiche destinazioni delle vacanze LGBT

Come non iniziare dunque da Mykonos, l’isoletta delle Cicladi tanto piccola quanto spettacolare e pazza… questa è stata una delle prime mete gay-friendly ma oggi ha preso una piega decisamente diversa, più orientata al turismo dei giovani discotecari che con la loro confusione hanno snaturato lo spirito genuinamente trasgressivo di questo angolo di paradiso. Consigliata per il bel mare, gli ottimi hotel ed i locali, ma solo fuori dell’alta stagione di Luglio e Agosto.
Rimanendo in Grecia, l’isola di Lesbo, remota e posta davanti alle coste della Turchia è, manco a dirlo, meta assidua del turismo lesbo, che ama frequentare e aggregarsi laddove tutto “è nato” grazie ai versi della poetessa Saffo.

Ibiza, al contrario di Mykonos, sta vedendo una diminuzione di turismo giovanile a favore di quello più esigente della comunità LGBT, soprattutto Italiana. Qui stanno affluendo anche coloro che sono un poco stufi della vicina Gran Canaria, storicamente uno dei riferimenti del turismo gay europeo. Se siete in zona e magari vi dovete fare scalo, ricordatevi che anche Barcellona (come del resto Madrid) ha una grande e vivace comunità gay con un intero quartiere di locali.
Sempre in Spagna, è imperdibile Sitges, un paesino sulla spiaggia della Catalogna famoso per gli eventi gay e quasi interamente a loro dedicato.

E in Italia? Anche nella nostra conservatrice e tradizionale penisola qualcosa si sta muovendo. Anzi, la crescita è forte ed oggi è annoverata tra le nazioni che maggiormente favoriscono questo tipo di turismo. Da anni ormai Marina di Torre del Lago è una località “cult” con i suoi locali in riva al mare e le serate pazze e sfrenate, gioia delle amministrazioni locali e degli imprenditori,  cruccio degli abitanti che devono sopportare una incredibile massa di giovani per tutta l’estate, anche in considerazione del fatto che qui è normale la presenza di locali eterosessuali simpatizzanti (o più facilmente, curiosi!). Situata subito a sud della più nota Viareggio, è una buona meta di mare con strutture di livello, a prezzi non economici come del resto in tutta la riviera della Versilia.
In grande crescita il Cilento, la bella zona di mare a Sud di Salerno, soprattutto a Marina di Camerota (famosa è la spiaggia del Troncone).

Proprio la confusione che, a seconda dell’impostazione data dai locali, spesso anima le mete LGBT, è la causa della sparizione di questo tipo di turismo da molte altre località che in passato sono state vere capitali, come Capri, Venezia e Riccione.


2012-07-24

Scrivi il tuo messaggio

La tua Email non sarà pubblicata né usata per pubblicità.
Inserendo un messaggio, accetti la nostra privacy policy.
(* richiesto)