Home » Vacanze Esotiche » Tropici e Oceano Indiano » Le isole più belle dell’arcipelago delle Filippine (per sub e non)

Le isole più belle dell’arcipelago delle Filippine (per sub e non)

Spiaggia tropicale Filippine
Alle Filippine potete trovare il vero fascino delle spiagge tropicali... deserte ma rigogliose!


Sono oltre 7.000 le isole che compongono l’Arcipelago delle Filippine ma solo poco più di 2.000 sono abitate. Tutte presentano la rigogliosa natura di una foresta tropicale e sono adagiate all’interno di un bacino composto dal Mar Cinese Meridionale, dal Mar delle Filippine e dal Mare di Celebes.

La ricchezza di questo elemento, i suoi fondali di rara bellezza e la natura selvaggia, fanno delle Filippine una tra le più importanti mete del turismo subacqueo mondiale. Infatti l’Arcipelago è ubicato nel famoso triangolo della biodiversità dove si può riscontrare la più alta densità di specie marine di tutto il pianeta: fauna e flora che sono ineguagliabili e che rendono unica ogni immersione. Di seguito, i nostri consigli per alcune delle isole più belle di tutto il Paese, con particolare riferimento a chi cerca fondali per immersioni.

Come organizzare il viaggio nelle Filippine

A chi è consigliato

Il viaggio nelle Filippine è consigliato a tutti gli amanti del mare, delle belle spiagge e dello snorkeling. Ma chi trarrà ancora più piacere da un viaggio in questi luoghi sono gli amanti della natura e delle immersioni: sia il paesaggio naturale che quello marino sono ricchi di una splendida flora e fauna, tutta da scoprire.

Spiaggia tropicale Filippine
Alle Filippine potete trovare il vero fascino delle spiagge tropicali… deserte ma rigogliose!

Quando andare

Il periodo migliore per visitare le Filippine è quello intermedio tra l’inverno e la primavera, nei mesi che vanno da febbraio a aprile. Gennaio è spesso molto piovoso, ma è perfetto per chi si sofferma nella capitale, Manila. I mesi estivi, sono consigliati per chi preferisce visitare le isole del sud come, ad esempio, quella di Mindanao.

Come arrivare nelle Filippine

L’aeroporto principale delle Filippine è quello della sua capitale Manila, considerato uno dei più affollati del mondo. L’aeroporto è servito da voli provenienti da tutto il mondo compreso il volo diretto da Roma Fiumicino, operato dalla nostra compagnia di bandiera Alitalia. Effettuando uno scalo intermedio, probabilmente, spenderete un po’ meno: in questo caso potrete fare affidamento alle compagnie mediorientali che di solito effettuano degli ottimi prezzi. Stiamo parlando della Emirates, della Qatar Airways e anche della Etihad, di solito un pochino più cara delle altre due.

Le isole più belle delle Filippine

1- Isola di Mindoro

Qui resiste ancora Puerto Galera che dava riparo ai numerosi galeoni Spagnoli durante il loro dominio coloniale. I fondali di quest’isola scendono con vertiginose pareti e canyons che offrono l’habitat ideale a spugne, gorgonie, coralli di ogni tipo nonché grandi pesci come squali barracuda e tonni.

L’isola di Mindoro è considerata il paradiso dei sub: la poca spiaggia che si forma, viene spesso erosa dal mare. E’ quindi sconsigliato trascorrere le proprie vacanze su quest’isola se pensate soltanto a stendere il vostro telo mare per prendere il sole: a Mindoro si viene per immergersi e scoprire la ricchissima fauna marina che abita questi fondali.

2- Isola di Cebu

Ubicata al centro delle Visayas c’è Cebu, lunga 225 chilometri che fa da corollario ad altre 167 piccole isole. Il villaggio di Moalboal a circa un centinaio di chilometri da Cebu City, è famoso per le sue meravigliose spiagge ed è un punto di partenza per i sub che visitano i fondali dell’isola caratterizzati da giardini di corallo visibili già a pochi metri di profondità.

Qui, pesci mandarino, pesci sfoglia, gamberetti, frog fish e squali balena sono i soggetti di incantevoli foto subacquee che i numerosi turisti sono pronti a scattare ad ogni immersione. Ma per una giornata non trascorsa sott’acqua, Moalboal offre interessanti spunti, come trascorrere una giornata a rosolarsi al sole nell’incantevole spiaggia di White Beach o di effettuare una interessante escursione alla scoperte delle cascate di Kawasan, all’interno di una rigogliosissima giungla tropicale o, semplicemente bighellonare all’interno di qualche caratteristico e pittoresco mercatino locale.

Sempre sull’isola di Cebu, potrete spostarvi verso Bantayan, piccolo paesino che conta lunghissime spiagge bianche poco frequentate dove potrete rilassarvi lontani dal turismo di massa che affolla altre spiagge.

3- Isola di Bohol

A sud di Cebu e prima di Mindanao, è particolarmente suggestiva l’isola di Bohol per via dei suoi paesaggi naturali. All’interno ci sono le famose Chocholate Hills, che sono una delle più importanti attrattive: ben 1268 colline a forma di cono che emergono su di una superficie di una cinquantina di chilometri quadrati. Sono chiamate così per il loro unico colore marrone che assumono durante la stagione secca e che ricordano il cioccolato.

Inoltre sull’isola di Bohol è possibile avvistare una tra le specie di scimmie più piccole al mondo, il tarsio spettro. A prescindere dalle bellezze naturali e faunistiche dell’isola, gli amanti del mare e delle immersioni non resteranno delusi grazie alla ricca vita marina che popola i mari antistanti alle coste di Bohol.

4- Isola di Balicasag

L’isola di Balicasag si trova a circa 40 minuti di nave da quella più grande e famosa di Bohol. L’isola è abitata da locali e, oltre a questo, vi troverete soltanto un resort. E’ famosa per i suoi fondali di cui, il più noto è quello che si chiama Black Forest che è formato da una vera e propria selva di corallo nero, abitato da una vastissima varietà di molluschi Nudibranchi.

5- Isola di Cabilao

Questa piccola isola dalla forma triangolare si trova tra l’isola di Bohol e quella di Cebu. E’ poco frequentata dal turismo di massa e la maggior parte delle zone dell’isola sono ancora del tutto incontaminate. Potrete soggiornare in uno dei piccoli e familiari resort che vengono gestiti dai locali.

Il vivo turchese che colora il mare lascia ogni visitatore sbalordito. Il mare fa da splendido contrasto con la sabbia bianchissima che a sua volta è incorniciata dal verde smeraldo della vegetazione circostante. Qui i sub troveranno interessanti elementi per ricche escursioni potendo ammirare gli splendidi coralli multicolore che fanno da scenografia ad una incredibile fauna rappresentata da barracuda e serpenti marini.

6- Isola di Palawan

Ancora sconosciuta al turismo di massa è imperdibile sia il suo mare che i suoi fondali che faranno la felicità di appassionati di diving e snorkeling.

Tra le spiagge più belle, a Palawan è possibile visitare il famoso El Nido, un parco marino facente parte dell’arcipelago di Bacuit che si trova, a sua volta, all’interno dell’arcipelago di Palawan e da dove è possibile partire per escursioni che hanno per destinazione moltissime isole caratterizzate da lagune color smeraldo e baie paradisiache. Qui, essendo ancora integra la barriera corallina, si possono ammirare pesci di ogni tipo e, addirittura tartarughe marine.

Il fatto di non essere ancora stata invasa dal turismo di massa, depone a favore di questa bellissima isola, ma dovrete comunque mettere in conto che in moltissime zone l’energie elettrica non viene erogata per tutto il giorno e nelle strutture che non sono dotate di generatore, trascorrerete la sera a lume di candela. In realtà a noi l’idea piace molto, e a voi?

Sull’isola di Palawan è presente anche un altro angolo naturale da non perdere: stiamo parlando di Coron, una piccola isola che insieme ad altre compone l’arcipelago delle Calamianes: in questi luoghi è la fauna marina, la vera attrazione. Potrete ammirare razze, tartarughe marine e perfino i simpatici dugongo, dall’aspetto tozzo.


Vuoi chiederci qualcosa?

Nome e Commento saranno pubblicati. La tua Email non sarà pubblicata né usata per pubblicità.
I tuoi dati sono trattati nel rispetto della privacy.
(* dato richiesto)