Home » Vacanze Esotiche » Tropici e Oceano Indiano » Malesia: guida per spiagge, organizzazione viaggio e cose da vedere

Malesia: guida per spiagge, organizzazione viaggio e cose da vedere

Malesia: guida di viaggio
Malesia "fai da te": segui i consigli della nostra guida di viaggio. nella foto, le famose torri di Kuala Lumpur


La Malesia è uno stato dell’Asia sudorientale suddiviso nella Malesia Peninsulare che confina con Singapore e la Thailandia e nella Malesia Orientale che confina con il piccolo stato del Brunei. Le due zone sono completamente diverse tra loro, pur avendo in comune una natura rigogliosa, a tratti misteriosa come la giungla della Malesia Orientale dove potrete incontrare tutt’oggi alcune tribù natie che ancora vi risiedono. La Malesia Peninsulare è più industrializzata e moderna, trovando la sua massima espressione nelle Petronas Tower simbolo della capitale Kuala Lumpur.

Veniamo subito al sodo: è una bella meta di mare? Certamente… per quanto riguarda le spiagge, non avrete che l’imbarazzo della scelta: il mare cristallino e le spiagge di sabbia fine e bianca sono la cornice che completa questo quadretto iniziale.

Informazioni utili per organizzare il viaggio

Il clima

Durante il periodo estivo le precipitazioni aumentano leggermente, ma non si può parlare di una vera e propria stagione delle piogge che in realtà è condensata soprattutto dopo settembre. Fino a giugno i resort non sono presi d’assalto e il clima è piacevole con mare caldo con temperature intorno ai 30° C: pensiamo che sia in assoluto il periodo migliore per visitare la Malesia. Da luglio fino ai primi di settembre i turisti asiatici prendono letteralmente d’assalto le spiagge e le isole malesiane… ma basta un po’ di pazienza per adattarsi al tipico caos e il gioco è fatto.
La Malesia Orientale è molto più piovosa, ma comunque i mesi che vanno da giugno a settembre sono i migliori, visto che le precipitazioni sono più limitate.

Malesia: guida di viaggio
Malesia “fai da te”: segui i consigli della nostra guida di viaggio. nella foto, le famose torri di Kuala Lumpur

Come arrivare

Per arrivare in Malesia Peninsulare potrete affidarvi alle compagnie medio orientali come Emirates, Qatar Airlines, Oman Air e Ethiad che facendo scalo nell’hub principale vi porteranno a destinazione nell’aeroporto di Kuala Lumpur: di solito prenotando nel periodo subito successivo al capodanno, troverete delle offerte interessanti per volare a prezzi contenuti durate il periodo estivo.  Se vorrete evitare di fare uno scalo potrete rivolgervi alla compagnia Malaysia Airlines che collega i maggiori aeroporti italiani come Milano Malpensa e Roma Fiumicino con Kuala Lumpur.

Come muoversi: auto e mezzi pubblici

Una volta arrivati a destinazione ci sono diversi modi per girare il Paese: a differenza di molti paesi asiatici dove è altamente sconsigliato il noleggio di un’auto per le condizioni pessime delle strade, in Malesia la situazione non è così tragica. Infatti potrete tranquillamente noleggiare un’auto all’aeroporto di Kuala Lumpur dove troverete le maggiori compagnie come Avis e Hertz. Dovrete comunque essere in possesso della patente internazionale che viene rilasciata dalla motorizzazione civile della vostra città e avere una certa dimestichezza con la guida a sinistra, esattamente come quella inglese ed australiana.

Altrimenti potrete optare per i mezzi pubblici: i pullman ad esempio sono sempre molto puntuali e puliti e potrete prenotare in anticipo i posti a sedere. Un’altra opportunità viene data dal trasporto ferroviario: anch’esso puntuale ed efficiente vi permetterà di raggiungere le zone più importanti della Malesia. Nelle città più grandi come Kuala Lumpur potrete utilizzare i taxi o prenotare un tour che vi porterà alla scoperta del paese, toccando le attrazioni più importanti.

Dalla Malesia Occidentale a quella Orientale non esistono collegamenti via mare, perciò dovrete rivolgervi alle compagnie aeree che offrono collegamenti interni come la stessa Malaysia Airlines e alcune compagnie minori, partner della stessa.

Dove dormire

Per soggiornare in Malesia ci sono diverse possibilità: innanzitutto se avete prenotato un pacchetto all-inclusive soggiornerete in uno dei tanti resort che sorgono sulla costa e sulle isole maggiori come Penang e Langkawi, che offrono sistemazioni di alto livello, la maggior parte delle quali è affacciato direttamente sul mare.

Se invece pensate ad un viaggio fai da te in totale libertà, sappiate che esistono strutture che variano dai lussuosi cinque stelle, fino ad alberghi di infima categoria spesso infestati da cimici: quindi la scelta deve essere ben ponderata. Una piacevole alternativa è quella di rivolgersi ai b&b privati che spesso offrono camere dotate di tutti i comfort ad un prezzo contenuto: in questo modo potrete immergervi totalmente nella vita quotidiana di una famiglia malese per osservare da vicino usi e costumi.

Un’altra valida alternativa sono le Resthouse, case coloniali britanniche che sono state trasformate in hotel di media categoria dove l’arredamento è rimasto tale e quale al tempo passato: approfittatene per fare un tuffo nella storia! Nelle località balneari troverete con molta facilità ostelli e guesthouse, sistemazioni economiche e spartane: adatte a chi non ha problemi di adattamento!

Se avete intenzione di andare alla scoperta della Malesia Orientale non potrete perdervi le Longhouse che sono villaggi della popolazioni derek native del Borneo che sono tutti raccolti sotto un unico, interminabile tetto. Vi consigliamo di prendere contatti con una guida locale per poterci arrivare senza problemi.

Da fare e vedere: mare, natura e città

Adesso la domanda è: come vorrete impostare la vostra vacanza in Malesia? Mare, natura o città? Se avrete tempo a disposizione potrete mescolare anche tutti e tre.

Città

Iniziamo da Kuala Lumpur dove probabilmente atterrerete. Non ci sono cose particolarmente interessati da vedere, a parte il fascino da megalopoli orientale e le famose Petronas Tower dove dovrete prenotare il vostro ingresso qualche tempo prima, visto che facendo i biglietti sul posto rischierete di rimanere fuori. Oltre alle due torri potrete girovagare per la città dalla scoperta di templi, moschee e mercati, assaporando i profumi e assaggiando qualche specialità della cucina malese che sicuramente non vi deluderà, visto che risente di molte influenze sia europee che asiatiche. In pochi metri potrete assaggiare un riso cotto nel latte di cocco o un dim-sum cinese…a voi la scelta. Sempre parlando di cibo e buongustai, Penang è la capitale gastronomica del paese dove potrete assaggiare i piatti della cucina Nonya, un incontro tra cinese e malesiano.

Spiagge

Se siete alla ricerca di belle spiagge e mare cristallino la zona che vi consigliamo è quella di Langwaki e dell’isola di Penang: ovviamente è la parte più turistica della Malesia dove vi si concentrano la maggior parte dei turisti asiatici, ma ne vale davvero la pena e a ragion veduta. La spiaggia di Patai Chenang è quella più frequentata, mentre potrete optare verso Patai Tengah dove potrete cimentarvi anche con qualche bella immersione.
Il vero e proprio paradiso dei sub è la parte orientale della Malesia Peninsulare, più precisamente nell’isola di Tioman e ancora più a nord verso la zona di Kelantan.

Natura

Se invece la vostra destinazione è la natura più profonda e misteriosa, la zona del Borneo è quella che fa per voi: trekking nei parchi nazionali,una fauna varia che comprende elefanti nani e oranghi, tribù immerse in villaggi sperduti. Si tratta di escursioni che è meglio non improvvisare da soli, ma da effettuare con guide locali in quanto vi sono pericoli di varia natura. Ovviamente accanto ad un natura così tanto rigogliosa non può mancare un mare cristallino pieno di fauna marina: la zona del Sabah è rinomato per i suoi numerosi siti di immersione.


Vuoi chiederci qualcosa?

La tua Email non sarà pubblicata né usata per pubblicità.
Inserendo un messaggio, accetti la nostra privacy policy.
(* richiesto)