Home » Mare Italia » Basilicata Mare » Costa Jonica in Basilicata: spiagge, natura e storia

Costa Jonica in Basilicata: spiagge, natura e storia

Basilicata: la costa Ionica
Basilicata: una bella cala sulla costa Ionica


La Costa Jonica della Basilicata si estende per soli 35 Km da Metaponto a Nova Siri nella regione della Basilicata orientale, quella rivolta verso il mare Adriatico. La particolarità di questo breve tratto di costa è lo spirito selvaggio che vi si respira, fatto di lunghe e solitarie spiagge che sono contornate da una verdeggiante natura, fatta in prevalenza dalla macchia mediterranea e dal giglio bianco che da a tutta la costa un profumo inconfondibile.
Ma la Costa Jonica non è consigliata soltanto a chi voglia trascorrere qualche giorno di vacanza in luoghi tranquilli e quieti, ma anche a chi vuole andare alla scoperta della storia e delle tradizioni della Magna Grecia che sono proprie di questi luoghi, e che si possono ritrovare in templi, monumenti teatri e necropoli. Inoltre l’entroterra della regione del Metapontino è una delle più fertili di tutta la zona con campi di agrumi, verdure e alberi da frutto.

Da sapere prima di partire

Grazie alle numerose strutture ricettive, alle spiagge lunghissime e soprattutto al fondale basso e sabbioso, la Costa Jonica è consigliata soprattutto alle famiglie con i bambini che qui troveranno tutto ciò di cui hanno bisogno. Inoltre le strutture ricettive variano dai classici bed&breakfast adatti a chi è alla ricerca di una vacanza più tranquilla e riservata, fino ai più caotici villaggi turistici che sono in grado di offrire strutture attrezzate per grandi e piccini, divertimento e attività assicurate durante tutto l’arco della giornata. Anche gli stessi villaggi sono molto diversificati gli uni dagli altri: alcuni sono specializzati esclusivamente per le famiglie, altri offrono un servizio più esclusivo che vi permetterà di praticare molte attività acquatiche e non, come surf, immersioni, canoa e golf.

Basilicata: la costa Ionica
Basilicata: una bella cala sulla costa Ionica

Basilicata: da nord a sud

Andiamo alla scoperta della Basilicata, partendo dalla costa nord e scendendo pian piano verso sud.

Da Metaponto a Marina di Pisticci

Provenendo da nord il primo litorale sabbioso che incontrerete sarà quello di Metaponto, incastonato nella foce dei due maggiori fiumi lucani, e una delle zone più frequentate della costa con ottime strutture alberghiere immerse in una natura fatta di eucalipti. Metaponto è consigliato soprattutto a chi è alla scoperta della storia della Magna Grecia visto che la zona ha ospitato una delle colonie più floride e ricche del periodo lasciando in eredità il Parco Archeologico dove potrete ammirare il famoso Tempio di Hera conosciuto meglio come le Tavole Palatine. Inoltre da questi luoghi, passò e vi soggiornò Pitagora, morendovi nel 495 a.C.

Leggermente più a sud di Metaponto incontrerete una delle zone più selvagge di tutta la costa, o almeno così era fino a qualche anno fa prima dell’inaugurazione del Porto degli Argonauti, costruito a Marina di Pisticci. Anche se la costa brulla e tranquilla è stata interrotta dall’azione dell’uomo, il Porto degli Argonauti è utile per le piccole imbarcazioni che partono alla scoperta del Mediterraneo del sud. Comunque Marina di Pisticci rimane la zona meno turistica di tutta la costa, luogo ideale per una fuga estiva alla ricerca dell’assoluto relax: le spiagge da visitare sono quelle di San Basilio, San Teodoro e Macchia che si colorano diversamente grazie all’azione del sole a seconda del momento della giornata. Se la parte di Metaponto è consigliata alle famiglie con i bambini grazie alle ottime strutture attrezzate, Marina di Pisticci è l’ideale per una fuga in coppia alla ricerca della quiete e delle strutture a conduzione familiare.

Da Scansano Jonico a Lido di Policoro

Prima di arrivare all’altra zona molto turistica, si trova il Lido di Scanzano Jonico che si traduce nella spiaggia Terzo Cavone fatta di lunghissime distese di sabbia ininterrotta e mare cristallino. Arriviamo così al Lido di Policoro, molto simile a quello metapontino per quanto riguarda le strutture e la costa. Il mare è uno dei più puliti di tutta la costa italiana, infatti è uno dei luoghi di riproduzione delle tartarughe della specie Caretta Caretta che vi nidificano tra giugno e agosto. Ma la tartaruga non è l’unica che ha scelto questi mari, infatti da qualche anno anche la Foca Monaca ha scelto la zona della Riserva del Bosco Pantano di Policoro. Inoltre a largo della costa è facile incontrare delfini che si divertono a nuotare nel mare basso e sabbioso. Oltre al ricchissimo mare, anche il primo entroterra non è da meno con intricate paludi che ricordano molto una foresta equatoriale e che ospitano lepri, istrici, volpi, faine, fino alle dolcissime lontre.

Le specialità culinarie della regione

Il mare, la flora e la fauna non sono gli unici motivi per organizzare un viaggio nella Costa Jonica, visto che soggiornando in questi luoghi potrete assaggiare delle ottime specialità culinarie come le sarde arrangiate con mollica di pane e origano, la capriata che è una zuppa di legumi, gli gnommaredde, vale a dire involtini con interiora di capretto. E se vorrete partecipare ad una sagra cittadina per immergervi ancora di più nello spirito della Basilicata, non perdetevi quella di Rotondella organizzata nel mese di luglio, dedicata all’albicocca!


Vuoi chiederci qualcosa?

La tua Email non sarà pubblicata né usata per pubblicità.
Inserendo un messaggio, accetti la nostra privacy policy.
(* richiesto)