Home » Vacanze in Europa » Spagna, Baleari e Canarie » Consigli per Minorca, la vacanza alle Baleari “fai da te”

Consigli per Minorca, la vacanza alle Baleari “fai da te”

Minorca: guida per una vacanza in estate
Minorca: scopri le spiagge più belle cona la nostra guida per una vacanza "fai da te" in estate


Oggi ci spostiamo nella più orientale delle Isole Baleari: facciamo un’introduzione su Minorca e vediamo un po’ di consigli per organizzare una bella vacanza estiva “fai da te” in questo piccolo paradiso turistico. Specifichiamo “fai da te”, in quanto a Minorca abbondano i villaggi turistici e gli hotel per i viaggi organizzati: nulla in contrario, per carità, ma una meta così vicina e “facile”, secondo noi merita un pizzico in più di avventura… per questo consigliamo la classica abbinata di appartamento e auto a noleggio per avere la massima libertà, oltretutto facilitata dagli orari flessibili degli Spagnoli… soprattutto in estate!

Se siete indecisi su quale isola delle Baleari scegliere per le vacanze, in breve possiamo dirvi che Ibiza e Maiorca sono decisamente confusionarie e adatte ai patiti della vita notturna. Ok, ci si può sempre ritagliare il proprio spazio, ma ci sentiamo comunque di consigliarle più ai giovanissimi. Formentera è stupenda ma da sempre colonizzata dai VIP, il che la rende costosa e snob… Minorca può quindi essere la soluzione migliore per la classica coppia o gruppo di amici che vogliono fare una bella vacanza al mare, in libertà, alla scoperta di spiagge e calette nascoste. In verità anche Minorca è affollata di turisti per tutta l’estate, e un po’ di “effetto Rimini” nella spiagge più famose sarà inevitabile.

Minorca: conosciamola meglio

Minorca è un’isola di medie dimensioni (circa 48×15 Km): è grande poco meno di Ibiza ed estesa circa quanto Rodi, in Grecia, più della nostra Isola d’Elba. Le dimensioni sono dunque perfette per 1 o 2 settimane molto varie. L’isola è tendenzialmente piatta, l’altezza principale è in pratica un piccolo colle centrale di poco più di 300 metri. Il paesaggio che vi troverete è prettamente Mediterraneo, con molta macchia di pini fino in riva al mare e tante peculiarità da essere dichiarata “Riserva Biosfera” dall’UNESCO.

Cartina di Minorca spiagge e attrazioni
La cartina di Minorca con le principali spiagge e attrazioni

Le cittadine

Due sono i centri urbani principali: Mahon e Ciutadella. Mahon (o Maò) è il capoluogo, sorge all’estremità est ed è caratterizzato da un porto posto all’estremità di una baia tra le più lunghe al mondo. Qui si trova anche l’aeroporto e vive la maggior parte degli abitanti locali. Ciutadella (Ciudadela) è invece all’estremità opposta, ad ovest, ed è più turistica, una delle basi migliori per la vostra vacanza.

La strada principale dell’isola corre non sulla costa bensì la taglia a metà congiungendo le due cittadine. Da questa, si dipartono numerose strade che raggiungono altri paesini e baie a nord e a sud. Il paesaggio presenta spiagge rossastre a nord e bianche, quasi caraibiche al sud. Sebbene la parte nord sia molto particolare e interessante, la classica cartolina di Minorca è stata certamente scattata in una delle spiagge del Sud.

Il mare e le spiagge

Il mare, inutile dirlo, è ovunque stupendo, con acqua cristallina ed effetti “esotici” grazie alla vegetazione fino in riva. Per gli appassionati del bel mare e dello snorkeling, è dunque una meta consigliatissima, al pari delle migliori località della Sardegna, della Sicilia e della Grecia….  il vero fascino del Mediterraneo!

Le spiagge si presentano invece molto varie. Ne troverete di selvagge, senza ombrelloni ne’ servizi, altre piene zeppe di ombrelloni e chiringuiti, i famosi chioschi dove potrete prendervi una bevanda, uno snack o un pranzo leggero. Alcune affollatissime, altre deserte.
Tra le spiagge più belle di Minorca, a sud vi segnaliamo Cala en Turqueta, Cala Mitjana, Cala Macarella e la vicina Macarelleta. Sulla costa nord, Cala Pregonda, con sabbia e fanghi rossi.

Movida e divertimento notturno

La sera è d’obbligo cenare in una delle due cittadine. Numerosi sono i ristoranti tipici, ma la qualità varia molto dall’uno all’altro. Individuare i migliori non sarà difficile: sono quelli con la coda fuori… Mettetevi l’animo in pace e accodatevi anche voi, in genere ne vale la pena! Come piatti, oltre ai classici Spagnoli e ad un’ottima paella di mare, dovete assaggiare la zuppa di aragosta: il pregiato crostaceo abbonda in questi mari.
La vita notturna, come dicevamo, è molto soft e non troverete gli eccessi delle mega-discoteche di Ibiza o della movida caotica di Magaluf. Qui dopo cena si sorseggia un cocktail sul lungomare, ma se volete ballare troverete ugualmente qualche club interessante. Imperdibile il Cova d’en Xoroi a Cala en Porter, scavato nella roccia a picco sul mare!

Informazioni utili

Dove dormire

Vi avevamo accennato che per l’alloggio è meglio cercare un appartamento. Potrete trovare molte strutture in residence, quindi con pulizie, cambio asciugamani, ecc… Questa per noi è la soluzione migliore.

Non scartate gli hotel, ma solo se trovate una buona offerta… qui se ne trovano anche in last-minute. Probabilmente capiterete in una struttura per viaggi organizzati dalle dimensioni medio-grandi, va bene se cercate un po’ di animazione organizzata, ma il nostro consiglio è comunque quello di evitare la mezza pensione per poter passare le serate in paese e godere delle specialità locali! La pensione completa, che sicuramente vi sarà proposta in sconto, è adatta solo ad anziani e famiglie con bambini piccoli che vogliono fare la vacanza sempre all’interno del resort.

Come arrivare

Voli per Minorca: l’isola ha un piccolo ma moderno aeroporto, ma la nostra amata e conveniente Ryanair al momento non ha voli dall’Italia, ma solo da Madrid, Barcellona e Valencia. In effetti fare uno scalo in una delle principali città spagnole potrebbe essere da valutare, in alternativa, per voli diretti dall’Italia date un’occhiata ai charter di Blue Express (da Roma), Neos (da Pisa, Bologna, Verona, Milano e Roma), ai low-cost di Easyjet (da Milano, Roma e capitali Europee) e a qualcosa di Alitalia (voli estivi da Milano). Avrete intuito che andare, ad esempio, ad Ibiza è più facile ed economico, ecco perché Minorca è tutto sommato meno conosciuta dagli Italiani.

Minorca: guida per una vacanza in estate
Minorca: scopri le spiagge più belle con la nostra guida per una vacanza “fai da te” in estate

Come spostarsi

L’auto a noleggio ha costi abbastanza contenuti: circa 30,00 euro al giorno presso i noleggiatori locali e 50,00 presso le catene internazionali. E’ una spesa secondo noi irrinunciabile. Avrete qualche problema di parcheggio in qualche spiaggia, ma farsi su e giù per l’isola in autobus sarebbe un piccolo inferno. Sconsigliatissimo anche lo scooter: dato che i due poli dell’isola distano 50 Km, le distanze sono infatti eccessive per un due ruote.

Quanto costa Minorca?

A proposito di prezzi, va detto che non è una meta a basso costo. Neanche cara, ma sicuramente dovrete sempre verificare il costo di servizi e ristoranti. Un ombrellone con due lettini, ad esempio, può costare (come in Italia) fino a 20,00 euro al giorno. In Grecia non si spendono mai più di 8 euro neanche nelle baie più famose! Un’insalatona ad un chiringuito, in genere 10,00 euro/50,00 euro in due per una discreta cena, di più se volete le famose aragoste.


1 Commento

VUOI SCRIVERCI PER UN CONSIGLIO? TROVI IL MODULO A FINE PAGINA, OPPURE RISPONDI AGLI ALTRI TUOI MESSAGGI
  1. Ferdinando

    ciao dove posso andare con un budget di 1000/1500 con mia moglie e una bimba di 19 mesi alla fine di luglio.preferirei un bel posto di mare tra italia o europa

Vuoi chiederci qualcosa?

La tua Email non sarà pubblicata né usata per pubblicità.
Inserendo un messaggio, accetti la nostra privacy policy.
(* richiesto)