Home » Spagna, Baleari e Canarie » Tutto su Lanzarote, la “perla” delle Canarie

Tutto su Lanzarote, la “perla” delle Canarie

Lanzarote, Canarie, spiaggia
Lanzarote, Canarie, la famosa spiaggia di Papagayo con il tipico paesaggio vulcanico

A sole 4 ore di volo dall’Italia, in pieno Oceano Atlantico e di fronte alle coste Africane, si trovano le Isole Canarie, un arcipelago di sette isole vulcaniche caratterizzate da un clima mite tutto l’anno e da una bellezza naturale mozzafiato. Un vero angolo di Tropici in territorio Europeo, essendo l’arcipelago sotto la giurisdizione Spagnola: i turisti di tutta Europa le conoscono bene, ma oggi vogliamo parlare di una delle isole più piccole… la 4° delle 7 Canarie maggiori, per estensione e numero di turisti.

Tra le isole, le principali Tenerife e Gran Canaria sono i centri più famosi e turistici, mentre Fuerteventura rappresenta una meta “alternativa” anche se ormai molto conosciuta e battuta dagli Italiani. Lanzarote è invece il luogo giusto per chi cerca qualcosa di particolare e selvaggio. L’isola è famosa per il suo paesaggio unico al mondo, non a caso è conosciuta anche con il nome di “La Graciosa”. E’ connotata da forti contrasti: da una parte il nero dei campi coperti di lava ed il rosso della “Montagna del Fuego”, dove si trova il Parque National de Timanfaya, dall’altra parte il verde dei piccoli fazzoletti di vegetazione sub-tropicale, l’azzurro scuro del mare profondo ed il bianco delle spiagge di sabbia finissima. Nessun monumento o museo, le attrazioni qui sono tutte naturalistiche.

Un’immersione nella natura

Lanzarote, Canarie, spiaggia
Lanzarote, Canarie, la famosa spiaggia di Papagayo con il tipico paesaggio vulcanico

La visita al Parco del vulcano Timanfaya è d’obbligo e da sola vale il viaggio sull’isola: aggirarsi intorno ai crateri, ai fiumi di lava pietrificata, assistere agli esperimenti di tipo vulcanologico sull’isolotto di Hilario è un’esperienza davvero unica. Per visitare il Parco si pagano pochi euro e si può scegliere tra un percorso sul dorso dei mitici “camellos” (dromedari) di Lanzarote, oppure prendere i classici bus color sabbia che, con il costo già compreso nel biglietto di entrata, accompagnano i turisti in un incredibile percorso di 14 Km, tra fratture vulcaniche e bordi di crateri in un’atmosfera… da creazione del mondo! Il calore sprigionato dal sottosuolo vulcanico è altissimo: a pochi metri la temperatura raggiunge i 400° C. E c’è chi, come i gestori del ristorante “El Diablo”, usa questo calore per cucinare. Un’esperienza culinaria da provare…

Leggi anche:  Guida per Alicante: spiagge, movida e cibo

La lava vulcanica è padrona incontrastata dell’isola: soprattutto dopo la grande eruzione del 1730: suggestive le grotte di Los Hervideros, formate appunto da lava ed erose dal mare, e surreale lo spettacolo del Golfo, un cratere situato accanto al mare nel quale si è formata, per infiltrazione d’acqua, una stupenda laguna color verde smeraldo. Da non perdere il Jameos del Agua, una grotta anch’essa di origine vulcanica che il noto architetto Cesar Manrique ha saputo adattare ad auditorium.

L’isola di Lanzarote conosce anche il verde della vegetazione, ma con modalità molto particolari. Le Geria, ad esempio, sono basse piantagioni di vigneti dove ogni pianta è protetta da muretti e dove il terreno è ricoperto di cenere: qui si produce vino Malvasia.

Le spiagge e la costa

Ma veniamo al mare… se questa estate arrivate fino quaggiù, sicuramente vorrete essere ripagati da spiagge incantevoli ed un mare cristallino… ebbene, ricordiamoci per prima cosa che qui siamo in pieno Oceano e non si possono pretendere le baite ed i colori delle isole del Mediterraneo, ma nonostante questo, alcune spiagge di Lanzarote fanno eccezione e sono davvero magnifiche. La più celebre è la spiaggia del Papagayo a sud, fatta di sabbia impalpabile, in una baia protetta con acqua azzurra ed un paesaggio lunare tutto intorno.

Sempre in zona, e collegate tra di loro tramite una strada sterrata all’interno di un’area protetta, ci sono altre spiagge che meritano una giornata, tra queste: Pozo e Playa Mujeres. Tra le altre spiagge da tenere in considerazione: Playa Grande, a Puerto del Carmen. Indispensabile il noleggio di un’auto per raggiungere le varie spiagge, peraltro gli autonoleggi hanno prezzi decisamente bassi.

Leggi anche:  Viaggio a Tenerife: spiagge e natura

Informazioni utili

Dove soggiornare

Sebbene il centro principale sia la città di Arrecife, i turisti si concentrano soprattutto a Puerto del Carmen, che da cittadina di pescatori si è ormai trasformata in un animato polo turistico. Qui si trovano i migliori ristoranti, la vita notturna, e duna bella passeggiata sul porto vecchio. Consigliamo anche noi di fare base qui, magari affittando un tipico appartamento con vista sul porto: le strutture che si chiamano apart-hotel sono l’ideale, avendo anche la piscina ed alcuni servizi comuni come la reception.
Sull’isola sarete in compagnia di molti turisti Inglesi e nord-Europei, ma niente a che vedere con il caos di altre località spagnole… qui sono molti gli anziani e le coppie e difficilmente li vedrete in spiaggia… meglio così!

Cosa mangiare

Giusto due righe sulla cucina locale. I ristoranti turistici abbondano, ma non temete… il loro rapporto qualità-prezzo è molto vantaggioso. La carne, ma soprattutto il pesce, qui sono molto freschi e cucinati in maniera semplice ma saporita, e le porzioni… sono enormi, tanto che in molti locali si può scegliere, della stessa portata, la porzione intera, mezza, oppure “tapas”, per condividere tanti assaggi. Il piatto più tipico sono le simpatiche Papas Arrugadas, patatine lesse con la buccia che accompagnano ogni portata principale. La paella? La si trova, ma non siamo a Valencia

Come arrivare

Raggiungere Lanzarote non è difficile ma neanche banale. La nostra amata compagnia Ryanair ha introdotto alcuni voli diretti dall’Italia, in stagione: le partenze sono da Bergamo e da Bologna. In alternativa, occorre fare scalo, ad esempio a Madrid, oppure a Fuerteventura, magari abbinando la visita di entrambe le isole: da lì si può infatti raggiungere Lanzarote in traghetto. L’alternativa è comprare un pacchetto di un tour operator con volo charter di andata e ritorno. Tra i vari tour operator presenti sull’isola ricordiamo Alpitour, Francorosso e Teorema, ma come sapete… a noi piace molto di più il “fai da te”!

Leggi anche:  Viaggi Avventure nel Mondo: offerte estate in 5 continenti

2 commenti

VUOI SCRIVERCI PER UN CONSIGLIO? TROVI IL MODULO A FINE PAGINA, OPPURE RISPONDI AGLI ALTRI TUOI MESSAGGI
  1. Silvia

    Salve! Qualche consiglio sulle compagnie locali di Lanzarote per il noleggio di una macchina? Volevo evitare compagnie come la Hertz per i prezzi decisamente alti. Grazie!

    • Marco (staff)
      Marco (staff)

      Mi dispiace non ho indirizzi specifici, ma quella di rivolgersi ai piccoli noleggiatori del posto è una buona idea.

Vuoi chiederci qualcosa?

La tua Email non sarà pubblicata né usata per pubblicità.
Inserendo un messaggio, accetti la nostra privacy policy.
(* richiesto)