Home » Mare Italia » Toscana Mare » Capraia: guida per una vacanza sull’isola remota

Capraia: guida per una vacanza sull’isola remota

Capraia: il porto visto dall'alto
Capraia: il porto visto dal paese alto


Gli appassionati di diving e gli abitanti della Toscana la conoscono bene, ma per i più l’isola di Capraia è una meta di vacanza estiva quasi sconosciuta. Oggi vi vogliamo dare alcuni consigli per una vacanza particolare, a stretto contatto con il mare ed una natura ancora selvaggia ed incontaminata, in questa remota isola dell’Arcipelago Toscano. Per le caratteristiche che vi andremo a spiegare, questa è una meta di mare molto particolare, adatta soltanto a chi cerca tranquillità e quel fascino particolare che solo i posti piccoli ed isolati sanno emanare. Ideale per i sub, è sconsigliata vivamente a famiglie con bambini e gruppi di giovani in cerca di divertimenti.

Informazioni utili

Come arrivare

E’ un’isola di origine vulcanica che dista oltre 60Km dal porto di Livorno, suo riferimento per i contatti con il resto del Mondo. In verità l’isola è ben più vicina alle coste della Corsica, ma per raggiungerla è necessario prendere un traghetto o una motonave dal suo capoluogo, Livorno. Il traghetto è lentissimo ma fondamentale per la sussistenza, è il cordone ombelicale che le consente gli approvvigionamenti di viveri, generi di conforto e… di turisti, alla base dell’economia locale. Da alcuni anni è possibile anche giungervi con motonavi veloci di alcune compagnie private che garantiscono il raggiungimento di Capraia in poche ore, consentendo anche una gita giornaliera. Portarsi l’auto è possibile ma inutile, se non addirittura di intralcio.

Capraia: il porto visto dall'alto
Capraia: il porto visto dal paese alto

Dove dormire

Chi ha una barca propria qui approda davvero in una paradiso: fare una vacanza a Capraia su a bordo di uno yacht (magari a vela) è il modo migliore per vivere questa isola. Gli altri turisti avranno invece una scelta di pochi ma graziosi piccoli hotel e case private, a prezzi purtroppo superiori alla media, soprattutto per quanto riguarda il cibo. Una cena in riva al molo è infatti indimenticabile e prelibata grazie al pesce locale, ma anche piuttosto costosa!

Conoscere la Capraia

L’isola è abitata soltanto nel paese, collocato a circa 500 metri sopra il porto, in posizione dominante e raggiungibile grazie all’unica strada dell’isola, una salita di circa 800 metri che è possibile percorrere a piedi o con un bus navetta. Conta 400 abitanti, che sono presenti tuttavia solo durante la stagione turistica, assieme ad un numero ben superiore di turisti. Il turismo qui non è di massa, qui si viene per cercare qualcosa di diverso, panorami mozzafiato ed un mare poco agevole ma bellissimo. Il resto dell’isola è selvaggio e poco agibile, ma percorso da una buona rete di sentieri.

La costa e le spiagge

L’isola ha caratteristiche davvero uniche: la sua bellezza è dovuta alla asprezza del suo territorio, ovunque ripido ed a strabiombo sul mare, senza spiagge, cale e nessuna di quelle peculiarità che solitamente si cercano in una località di vacanza al mare. Le sue acque sono tuttavia cristalline e ricchissime di pesci, grazie alla rigida tutela dovuta al Parco Naturale. Per i sub questo mare è un vero mito, un punto di riferimento, non a caso la maggior parte dei turisti viene qui per fare diving, supportati dagli attivi diving center locali.

Dicevamo delle spiagge: praticamente non ce ne sono, e questo è senza dubbio il difetto maggiore di Capraia. Ci sono alcune piccole cale ghiaiose raggiungibili via mare e un paio di pontili per la balneazione nella limpida insenatura del porto, gestiti dagli hotel. Esiste un servizio di taxi-boat per raggiungere le cale e fare il giro dell’isola, basta rivolgersi alle varie imbarcazione direttamente nel porto. Noi vi consigliamo di visitare Cala Rossa, una suggestiva parete rossa a strapiombo che sarebbe ciò che rimane del cratere del vulcano che ha generato Capraia, e la Cala della Mortola, uno dei pochi punti dove, a seconda dei venti, può “apparire” una piccola spiaggia di finissima sabbia bianca e ciottoli.

Cosa fare e vedere sull’isola

Il tempo lo si trascorre, oltre che al mare e “IN” mare, nei locali del porto o del paese alto, oppure facendo trekking. Se andate in vacanza a Capraia portatevi asoslutamente degli scarponi da montagna, armatevi di zaino e tanta acqua e partite alla scoperta degli angoli più suggestivi percorrendo la fitta rete di sentieri, perfettamente sicuri e segnalati, proprio come sulle Alpi ma… con una vista mare incredibile! Avrete così modo di apprezzare anche la particolare flora locale, pensate che a Capraia sono presenti molte specie rarissime o che addirittura vivono solo qui.

Imperdibile è poi il giro dell’isola di Capraia in barca, basta rivolgersi alle solite piccole compagnie di navigazione locale che sicuramente incontrerete al porto. Se vi trattenete più giorni, visitate anche il vecchio carcere: dovete sapere infatti che questa era una colonia penale, proprio come la vicina isola di Gorgona che lo è ancora, praticamente blindata e inaccessibile.
Diamo uno sguardo anche alle cose che NON è possibile fare a Capraia: una di queste è sicuramente la vita mondana. Non esistono discoteche ne’ locali, la sera si può soltanto trattanersi nei ristoranti o passeggiare, anche lo shopping è praticamente inesistente. Soggetta a regolamenti e divieti è anche la pesca: informatevi bene in loco in merito a dove è possibile praticarla.

Gli eventi di Capraia: vi segnaliamo i due più importanti, quelli che segnano l’inizio e la fine della stagione turistica, ovvero il Walking Festival in primavera, e la famosa Sagra del Totano a Novembre.
Dopo di questa, l’isola quasi si svuota e si appresta a trascorrere nel silenzio il lungo inverno in attesa della nuova bella stagione.


Vuoi chiederci qualcosa?

La tua Email non sarà pubblicata né usata per pubblicità.
Inserendo un messaggio, accetti la nostra privacy policy.
(* richiesto)