Home » Vacanze in Europa » Vacanze in Grecia » Peloponneso: le migliori località di mare

Peloponneso: le migliori località di mare

Peloponneso, la spiaggia di Voidokilia
Peloponneso, la spiaggia di Voidokilia che divide "due mari"


Il Peloponneso è una parte della Grecia meridionale staccata artificialmente dal resto del continente dal canale di Corinto. Rispetto alle classiche mete Greche, le isole, questa parte della nazione è molto più selvaggia e brulla, fatta di paesaggi montani e collinari che degradano aspramente verso il mare e che racchiudono, sparpagliate, alcune spiagge bellissime sia di sabbia fine dorata che di piccoli sassolini e ciottoli.

Inoltre il Peloponneso è intriso di storia: a parte le rovine dell’antica Sparta dove è possibile ancora scorgere il Tempio di Artemide, ci si imbatte in chiese affrescate dai Bizantini e in roccaforti inespugnabili come la cittadina medioevale di Monemvasia, e nella sede delle prime olimpiadi, Olimpia, appunto. Cultura, storia, mare cristallino: questa parte della Grecia è una meta ancora tutta da scoprire.

Informazioni utili

Come arrivare: aereo e traghetto

Esistono due modi per raggiungere il Peloponneso: via mare e con l’aereo. Per quanto riguarda l’aereo, durante i mesi estivi la compagnia Aegean Airlines collega direttamente l’aeroporto internazionale di Kalamata, nella zona meridionale dell’isola all’aeroporto di Milano Malpensa. Oppure potete prendere un volo per Atene, di linea o low cost, e quindi un volo interno oppure spostarvi in auto: Atene che dista 4 ore e mezzo da Patrasso.
Per quanto riguarda il trasporto via mare esistono diverse compagnie di traghetti che effettuano collegamenti dai maggiori porti dell’Adriatico come Ancona, Venezia e Bari per quello di Patrasso: le più conosciute sono Anek Lines e Superfast Ferries. Viaggiando con il traghetto ne potrete approfittare per partire con un mezzo vostro: le zone turistiche del Peloponneso sono sparse per tutta l’isola, quindi con l’auto sarete liberi di raggiungere la maggior parte delle spiagge e delle zone che possono interessarvi.

Peloponneso, la spiaggia di Voidokilia
Peloponneso, la spiaggia di Voidokilia che divide “due mari”

Consigli su dove dormire

Dimenticate resort e grand hotel a tappeto: qui per soggiornare dovrete adattarvi a cosa offre la località che sceglierete per trascorrere la vostra vacanza. Infatti alcuni luoghi sono completamente dimenticati dal turismo di massa, come ad esempio Finikounta, dove potrete pernottare in piccole pensioni a gestione famigliare, riservate ed intime: adatte a chi è alla ricerca di una vacanza di mare improntata sulla tranquillità e la quiete. All’esatto opposto si trovano le numerose cittadine trasformate in villaggi turistici come Pylos, che ormai ricorda le strutture ricettive della Costa Smeralda. Ovviamente questi luoghi più artificiali sono consigliati ai giovani in cerca di divertimento e movida notturna che potranno trovare nei numerosi locali e ristoranti che si animano al calar della sera.

A differenza di molti altri luoghi turistici, non esistono nel Peloponneso vere e proprie stazioni turistiche balneari di riferimento: essendo la costa selvaggia e brulla, a tratti intervallata da splendide spiagge, il modo per godersi le bellezze della costa è quello di girarla e scoprirla di volta in volta, a seconda che preferiate la sabbia o gli scogli. Altrimenti se vorrete stazionare in un luogo, vi consigliamo la zona di Kalamata, la piccola cittadina di Pylos e la penisola di Laconia.

Le spiagge

Orientarsi in questa regione così poco civilizzata non sarà semplice e ne beneficerà il vostro gusto per l’avventura e la ricerca di località incantate e tranquille. Vediamo qualche suggerimento.
Per gli amanti delle spiagge non possiamo non ricordare la spiaggia di Elafonisos, situata nell’estremo sud ovest del Peloponneso sull’isola omonima e distante dalla costa 10 minuti di traghetto con corse in partenza ogni 15 da Puonta Vigklafia. Se fate delle ricerche online, fate attenzione a non confonderla con l’omonima “Elafonissi”, famosa spiaggia di Creta. Sull’isola potrete trovare due delle più belle spiagge di tutto il Mediterraneo: quella di Simos dove il mare è più calmo e la sabbia fine e bianca e quella di Panaghia più selvaggia e con una spiaggia leggermente meno bianca rispetto alla precedente. Sull’isola ne potrete approfittare per ristorarvi nelle piccole taverne a gestione familiare che propongono piatti a base di pesce fresco.

Altro luogo davvero interessante per gli amanti del mare è quello vicino alla cittadina di Pylos: la spiaggia di cui parliamo è quella di Voidokilia, aspramente selvaggia e lontana dai classici contesti urbani. Voidokilia è caratterizzata da una lunga lingua di sabbia fine e dorata che si estende in lunghezza nella parte sud orientale del Peloponneso: vi consigliamo di non fermarvi subito, ma di proseguire per un bel tratto per trovare scorci più incantevoli e solitari. Inoltre la spiaggia fa parte di un parco naturalistico e archeologico che comprende le isole vicine di Kithira, Spetses e Idra dove sorgono delle cittadine con imponenti mura affacciate sul mare.

Altre spiagge interessanti si trovano a Capo Matapan e a Methoni nella penisola di Laconia: nel golfo omonimo si trova un parco naturale dove potrete incontrare la tartaruga Caretta Caretta.

Gli amanti dello scoglio saranno altrettanto fortunati, infatti le calette di Mani e Kalamata offrono un mare cristallino e dei fondali altrettanto interessanti, adatte per lo snorkeling e le immersioni. Lo stesso vale per la zona vicino allo stretto di Corinto, dove le spiagge di sabbia sono assenti e troverete quelle di ciottoli e sassolini.

Escursione all’isola di Zante

Chiudiamo con un suggerimento per una escursione giornaliera: una delle spiagge più famose e fotografate della Grecia, la Spiaggia del Relitto, sull’isola di Zante, dista soltanto un’ora di battello dalle coste del Peloponneso. Sarebbe un peccato perdersela! L’isola di Zante è situata nella parte nord occidentale del Peloponneso: purtroppo per raggiungere il famoso relitto adagiato sulla sabbia di sassolini bianchi dovrete partecipare alle escursioni turistiche in partenza da Aghios Nicholaos e Porto Vromi: di solito la durata varia dalle due ore alle due ore e mezzo, ma l’affollamento di imbarcazioni deturpa completamente i colori del mare ed il paesaggio antistante. Inoltre il mare di solito è sempre mosso perché sottoposto ad intensi venti, quindi potreste anche non riuscire a sbarcare (non a caso c’è un relitto!).

Da vedere prima di ripartire

Prima di ripartire verso casa vi consigliamo di fare una piccola full immersion nella storia, di cui il Peloponneso ne è il maggiore testimone a partire dai resti dell’antica Sparta fino alla famosa Micene, celebre città di Agamennone, dove potrete visitare anche un museo archeologico su Atene. Sparse per tutta l’isola troverete molte chiese dipinte in stile bizantino e alcune piccole cittadine racchiuse dietro possenti mura.
Merita una visita anche lo stretto di Corinto, costruzione artificiale costruito alla fine dell’800: pensate che l’idea di questo “taglio” era partita fin dai tempi di Nerone!


4 commenti

VUOI SCRIVERCI PER UN CONSIGLIO? TROVI IL MODULO A FINE PAGINA, OPPURE RISPONDI AGLI ALTRI TUOI MESSAGGI
  1. Paola

    Buongiorno, andremo ad elafonissos via Atene. Al ritorno vorremmo soggiornare un paio di giorni sulla costa non distante da Atene. Avete da suggerirci una località non troppo turistica sul mare? Grazie Paola

    • Marco (staff)
      Marco (staff)

      Fermo restando che le parti migliori del Peloponneso (per fare mare) sono a sud, penso che per un paio di giorni di mare può andare benissimo la zona dello Stretto di Corinto.

  2. Valentina e Antonio

    Salve turisti, sono Valentina, quest’anno a Luglio vorremmo andare in Grecia, precisamente dal 1-12 Luglio,
    chiediamo consigli su quali isole visitare delle cicladi, a parte Santorini che tutti consigliano ma non più di 2 giorni.
    Per il resto alcuni consigliano Naxos per le sue meravigliose spiagge.
    A parte i traghetti dei siti più famosi, ci sono altri modi ancora più economici per raggiungere le isole tra di loro? tipo da Santorini per Naxos?
    Accetto qualsiasi consiglio visto che è la prima volta che ci andiamo.
    Tenete presente che sono pugliese e quindi ho alcune “pretese” sul mare bello…Grazie mille.Ciao

    • Marco (staff)
      Marco (staff)

      Perdonami, ma… tra due isole come pensi di spostarti, se non con aerei (costosi e che comunque non ci sono) e traghetti? Forse a nuoto?!!
      A parte questo, per la scelta delle tue isole ti suggerisco di spostarti sia sui nostri approfondimenti di Paros, Ios e Mykonos, che su quello dedicato alle Cicladi “minori” dove potresti trovare spunti interessanti.

Vuoi chiederci qualcosa?

La tua Email non sarà pubblicata né usata per pubblicità.
Inserendo un messaggio, accetti la nostra privacy policy.
(* richiesto)